ogmUno dei settori che sembra non risentire affatto della crisi è quello del mercato biologico: secondo il settimanale “Vivo”, infatti, in Italia esso è cresciuto del 5,4 per cento e il consumo di questo tipo di alimenti è aumentato del 20 per cento. Da questi dati possiamo quindi evincere che gli italiani si sono fatti più attenti all’ambiente (l’agricoluta biologica non sfrutta le risorse ambientali in modo aggressivo e indiscriminato) e al mangiare sano (i prodotti sono più nutrienti e genuini perchè concimati esclusivamente con materiale organico).
Ma come riconoscere i prodotti biologici da quelli convenzionali? E’ molto semplice: sulla confezione, oltre alla normale etichetta, devono essere riportati anche:

  1. la dicitura “agricoltura biologica in regime di controllo CEE“;
  2. il codice dell’organismo di ispezione e il suo nome completo;
  3. il codice dell’operatore (in Italia operano Aiab, Bioagricert, Bios, CCPB, Codex, Ecocert, IMC, QC&I, Suolo e Salute e, per la provincia autonoma di Bolzano, Biozert).

Ecco un esempio di quanto deve comparire sulla confezione:

etichetta-prodotto-bio

Visitando il sito Prodottibiologici.it potrai trovare le aziende o gli operatori del biologico più vicini a casa tua. Inoltre, se vuoi provare il brivido della spesa bio on-line, dai un’occhiata a Store.ciaobio.it e Inbottega.it: troverai una vasta gamma di prodotti biologici da acquistare!